Marco Marinoni's web page

Subtitle

DELTA - a study on distance (2002) acousmatic / acusmatico - Dur. 6'30''

variation.
declination.
deviation.
deflection.

distance.

variation of a quantity in the domain of time.
altitude of a star on celestial equator but also random shifting of atoms out of the vertical line of their fall. collision.
shifting of a moving body from his trajectory.
deviation imposed to a flowing stream.

that which relates the different things one to the other as themselves. contradiction must disclose the essence of its own difference following the distance that corresponds to it.

designation/significance. irretrievableness.

to designate the past through a distance. to signify the future through a distance. the quantity of variation connotes the drift of beings from states in the past to states in the future. the variation is not the present. the future can be the past.

aporia of self incognoscibleness.

variazione.
declinazione.
deviazione.
deflessione.

distanza.

variazione di una grandezza nel dominio del tempo.
altezza di un astro sull’equatore celeste ma anche casuale spostamento degli atomi dalla linea verticale di caduta. urto.
spostamento di un corpo mobile dalla sua traiettoria.
deviazione imposta a una corrente fluida.

ciò che riferisce i differenti l’uno all’altro in quanto tali. la contraddizione deve rivelare la natura della propria differenza seguendo la distanza che corrisponde ad essa.

designazione/significazione. irreparabilità.

designare il passato attraverso una distanza. significare il futuro attraverso una distanza. la quantità di variazione connota la deriva degli esseri dagli stati del passato agli stati del futuro. la variazione non è il presente. il futuro può essere il passato.

aporia della propria inconoscibilità.

LISTEN TO 34'' EXCERPT FROM "DELTA - A STUDY ON DISTANCE"!

[ITA] ho terminato la stesura di delta - a study on distance domenica 14 aprile 2002. in origine si trattava di un brano stereo. la spazializzazione in 8 canali è stata operata a posteriori in previsione di una diffusione multicanale.

i suoni che ho utilizzato come materiale di partenza sono di natura strumentale, non c'è nessun suono di sintesi. gli strumenti sono pianoforte, violino e flauto.

l'idea è stata quella d affrontare il tema della distanza non solo in termini di ricostruzione di ambienti virtuali di differenti dimensioni ma anche distanza dalla fonte in terini di intensità del processo e numero dei layer di processazione. mi sono interrogato sulle possibili risposte emotive a materiali musicali che si sgretolano e cambiano gradualmente o inusitatatamente forma sino a trasfigurarsi in materiali adiacenti di differente derivazione.

quindi delta (Δ) come spazio che separa, tessuto interstiziale che interpola differenti nature sonore.

la materia è in movimento, in continua mutazione e rivoluzione, schegge impazzite di suono assumono talvolta una deriva pardossale sino a gonfiarsi in agglomerati organici di frequenze che si schiantano esplodendo contro la zona più grave o si sciolgono in granulazioni liquide acutissime.

diversi piani sonori, ciascuno assegnato a una determinata tipolgia di materiale, si intersecano a causa dei continui processi di mutazione dei materiali stessi. i processi di cristalizzazione sono caratterizzati da instabilità.

delta è una creatura i cui confini corporei sono in costante ridefinizione, la sua carne e la sua struttura ossea subiscono un costante rimescolamento dovuto a un'irreversibile instabilità molecolare.

Members Area